Attivita' didattica

italica16_2

A differenza delle epigrafie classiche (greca, latina), le iscrizioni dell'Italia antica sono riferibili a lingue note solo per frammenti e generalmente sono di difficile inquadramento morfosintattico e lessicale. Tale carattere di 'lingue residuali' (Restsprachen), condiviso da tutte le lingue indigene dell'Italia antica, rende necessario che lo studio dei testi epigrafici sia angolato soprattutto dalla prospettiva della lingua; per questa ragione tradizionalmente le lingue dell'Italia antica, e gran parte delle epigrafie relative, trovano la loro collocazione nel quadro degli insegnamenti dell'area disciplinare della linguistica.