Altre attivita' archeologiche

PARSJIAD

Il progetto Parco Archeologico dell’Alto Adriatico - PArSJAd (codice CB017), finanziato dal Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013, si pone l’obiettivo generale di valorizzare il patrimonio archeologico dell’area costiera dell’Alto Adriatico, dal litorale emiliano a quello sloveno, in un’ottica unitaria e transfrontaliera, assumendo la pianificazione culturale quale strumento di governo dell’intervento pubblico a favore dell’attrattività e della competitività del territorio coinvolto.

L’attività di ricerca dell’Unità Veneziana è stata finalizzata all’analisi diacronica dei paesaggi che hanno caratterizzato, nel corso dei millenni, la bassa pianura alluvionale e costiera dell’Alto Adriatico. L’obiettivo era di costruire un sistema complesso di relazioni tra assetto geomorfologico e situazione archeologica, sia in riferimento alla posizione stratigrafica all’interno del modello geologico, sia in termini di conservazione e fruibilità del potenziale archeologico.

Dal sito ufficiale del progetto (parsjad.regione.veneto.it/) è possibile accedere agli esiti della ricerca e alle pubblicazioni.

SANT'ILARIO E LAGUNA VENEZIANASant'Ilario

Il rapporto tra Venezia e la sua laguna è uno dei campi di ricerca privilegiati dell’Insegnamento di Archeologia Medievale da ormai molti anni. A partire dagli anni 2000 un complesso lavoro di censimento e di sistematizzazione delle notizie archeologiche, storiche e delle nuove frontiere degli studi ha impegnato l’intera èquipe. In particolare il territorio del monastero dei Santi Ilario e Benedetto di Mira (attuale entroterra di Venezia) è stato oggetto a partire dal 2007 di una lunga serie di campagne di studio. Inizialmente sono stati condotti delle ricognizioni di superficie, seguite da una campagna di scavi archeologici. Le ricerche più recenti hanno affrontato il problema della relazione tra il sito, uno dei più importanti ed antichi monasteri ducali, con il suo territorio in continua evoluzione. L’approccio è stato di natura multidisciplinare con una particolare attenzione agli aspetti geomorfologici ed alla ricostruzione dei percorsi tra terraferma e laguna.

Bibliografia

  • FERRI M., BAGATO C, CALAON D (2009). SS. Ilario e Benedetto (IX secolo). Un monastero del nascente dogado veneziano tra terra e laguna. In: Atti del V Congresso Nazionale di Archeologia Medievale. Palazzo della Dogana, Salone del Tribunale (Foggia); Palazzo dei Celestii, Auditorium (Manfredonia), 30 settembre-3 ottobre 2009, Firenze: All'Insegna del Giglio, p. 498-504.

Inoltre gli avanzamenti dei lavori più recenti sono stati presentati nelle seguenti sedi:

  • E. Corrò, C. Moine, S. Primon, Before the Palladian Landscape. The Brenta river and the historical transformation of Venice countryside (Mira, Venice, Italy) between Late Middle Ages and Modern Ages, communication, Waterscapes as a Cultural Heritage International Conference, Venezia, Maggio 2015.
  • E. Corrò, C. Moine, S. Primon, Time travelling. Multidisciplinary solutions to reveal archaeological landscape and settlements. The case study of Sant'Ilario di Mira, Venice, communication, 20th meeting of European Association of Archaeologist (EAA, Istanbul 2014, prevista la pubblicazione).
  • A. Cianciosi, M. Ferri, C. Moine, Artificial islands of Venice. The city urban evolution up to the actual aspect, comunicazione, 20th meeting of European Association of Archaeologist (EAA, Istanbul 2014).
  • E. Corrò, C. Moine, P. Mozzi, S. Primon, A slow invisible disaster? Geomorphologic changes of Venice contryside, poster, 3rd International Landscape Archaeology Conference (LAC, Rome, 2014).
  • E. Corrò, C. Moine, S. Primon,The Landscape of Men Interdisciplinary strategies to understand transformations of Venice countryside (Mira, Venice, Italy), comunicazione, Geological Society of America, Vancouver 2014.
  • Moine C., Primon S., Reazioni uguali e contrarie. Evoluzione paleoambientale e trasformazioni storiche tra medioevo ed età moderna. Il caso del monastero di S. Ilario e Benedetto (Dogaletto di Mira), communication, SAAME (Inter-university Center for Early Medieval History and Archaeology) seminario, Ca' Foscari, Venezia 2014, in corso di stampa).
  • E. Corrò, C. Moine, S. Primon, Setting the scene: the role of Sant’Ilario monastery in early medieval Venice in the light of recent landscape studies, comunicazione, Leeds International Medieval Conference, Luglio 2015.

Clicca sulle immagini per attivare lo zoom

Sant'Ilario_Carta 01Sant'Ilario_Carta 02Sant'Ilario_Sterri 03Sant'Ilario_Trasferimento 04Sant'Ilario_Ricerche 05Sant'Ilario_Ricerche 06Sant'Ilario_Ricerche 07Sant'Ilario_Ricerche 08Sant'Ilario_Ricerche 09Sant'Ilario_Ricerche 10Sant'Ilario 11Sant'Ilario 12Sant'Ilario 13Sant'Ilario 14Sant'Ilario 15Sant'Ilario 16Sant'Ilario 17Sant'Ilario 18