MYTHOS

ECUBA

13 APRILE 2022

TEATRO MARIO DEL MONACO TREVISO

 

 

LE DONNE SULLA SCENA DI TROIA

ORE 19:00 - RIDOTTO TEATRO MARIO DEL MONACO

Con gli interventi di:

ALBERTO CAMEROTTO (Universitą Ca’ Foscari)

La caduta della cittą di Troia. Il paradigma di Ecuba

KATIA BARBARESCO (Aletheia Ca’ Foscari)

Le donne e la guerra

LUDOVICA CONSOLONI (Aletheia Ca’ Foscari)

Le donne e la caduta della cittą

FEDERICA LEANDRO (Aletheia Ca’ Foscari)

Il pianto di Andromaca

ELISABETTA BIONDINI (Aletheia Ca’ Foscari)

Le parole delle donne antiche

VALERIA MELIS (Universitą di Cagliari - Aletheia Ca’ Foscari)

Lisistrata, un manifesto contro la guerra

 

MYTHOSDOWNLOADPDF

DONNE SULLA SCENA DI TROIA

DONNE SULLA SCENA DI TROIA

 

 

ILIOUPERSIS. LE VOCI DELLE DONNE

CONTRO GLI ORRORI DELLA GUERRA

 

Le prime parole che ci avvertono dell'orrore della guerra sono quelle di una donna. ť la sposa di Meleagro, Cleopatra che  ci ricorda come nella presa della cittą sono le donne e i bambini che pagano il prezzo piĚ pesante della violenza (Iliade IX 590-596). ť la nostra testimonianza piĚ antico, dall'VIII sec. a.C. di Omero. Al tempo della democrazia di Atene, nel disastro della guerra del Peloponneso alla fine del V sec. a.C.,  Ź la voce di Lisistrata che insorge contro la guerra, dal teatro di Aristofane, davanti a tutti i cittadini. Sono i nostri archetipi del pensiero. Immediatamente indispensabili. Sono le ricerche del Laboratorio di Letteratura Greca di Aletheia Ca' Foscari, antichissime e aperte sul mondo.

Si tratta di analizzare come un sistema di segni vive e agisce nello spazio e nel tempo, tra continuitą e variazione. Anche per il nostro presente funziona cosď. Possiamo riconoscere gli archetipi che ci permettono di comprendere di che cosa siamo fatti. Partiamo dall'Ilioupersis, temi e idee che portiamo fuori delle aule dentro alle cittą, ovunque.  La caduta della cittą, secondo le regole epiche, diventa allora parte dell'immaginario della guerra in tutta la storia della cultura europea fino al nostro mondo contemporaneo. Tra Stalingrado, Dresda, Berlino, Hiroshima. Per arrivare ai nostri giorni, tra Sarajevo e Srebrenica. O i segni li troviamo anche nell'attacco alle Twin Towers. E cosď vale per le stragi e le devastazioni tra la Siria e l'Irak, per le distruzioni delle cittą e dei luoghi della cultura e della memoria, come Palmira. O per l'umiliazione delle donne nella presa di Kabul, tra la soppressione dei diritti e dei desideri e le decapitazioni. E oggi vediamo quello che accade a Kiev. Giorno dopo giorno, quando vediamo che la guerra distrugge le cittą Ź per tutti noi il segno della fine della civiltą, la fine dell'umanitą.

Allora servono le parole delle donne, di Andromaca, Ecuba, Cassandra, meglio ancora serve la rivoluzione di Lisistrata.

 

 

 

ILIOUPERSIS.ARCHETIPIEPICI

a cura di Alberto Camerotto, Giovanna Gambacurta, Luigi Sperti

ALETHEIA. LABORATORIO DI LETTERATURA GRECA

UNIVERSITň CA’ FOSCARI VENEZIA - Dipartimento di Studi Umanistici

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI CULTURA CLASSICA VENEZIA

MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI VENEZIA

INFORMAZIONI: http://virgo.unive.it/flgreca/Aletheia.htm - alcam@unive.it

Per gli studenti di Ca' Foscari: per la frequenza del Seminario Epico con relazione finale sui temi dell'Ilioupersis Ź riconosciuto 1 CFU.

 

 


ALETHEIA. LABORATORIO DI LETTERATURA GRECA

UNIVERSITň CA’ FOSCARI VENEZIA

Dipartimento di Studi Umanistici

http://virgo.unive.it/flgreca/Aletheia.htm

A cura di Alberto Camerotto - alcam@unive.it