Progetti, attivita', pubblicazioni

Progetti

È possibile trovare maggiori informazioni sui progetti attivi sul sito web VenicEpigraphy (https://mizar.unive.it/venicepigraphy/).

  • AXONAXON. Per una silloge italiana di iscrizioni storiche greche (https://mizar.unive.it/venicepigraphy/axon/public/): il progetto intende proporre in un database online (https://mizar.unive.it/venicepigraphy/axon/public/axon/pagine/catalogo) una selezione di iscrizioni greche, di ogni tipologia, scelte in base alla loro rilevanza ‘storica’, dalle origini della polis al 31 a.C. Ogni scheda digitale contiene una descrizione del supporto, dei luoghi di rinvenimento e conservazione, indicazioni circa cronologia e tipologia del documento, informa sulla lingua e sulle particolarità della scrittura, fornisce un lemma genetico, testo greco con apparato critico, traduzione e commento in lingua italiana, oltre a una bibliografia aggiornata. Il volume "Iscrizioni greche. Un'antologia", nato nell'ambito del progetto, è risultato vincitore del Premio alla ricerca 2017.

  • Calco della base dei Tolomei - Thermos, dettaglioVenice Squeeze Project. Calchi epigrafici online (https://mizar.unive.it/venicepigraphy/squeezes/): il progetto nasce per la libera fruizione online della collezione dei calchi cartacei di iscrizioni greche conservata presso il Laboratorio di epigrafia greca e con l’intento di contribuire al riconoscimento, alla valorizzazione e alla preservazione degli archivi epigrafici d’autore. Si tratta di un fondo catalogato di 614 esemplari, prevalentemente riferentesi all’epigrafia della Grecia occidentale, messi in concordanza con la corrispettiva documentazione fotografica e bibliografia.


Attività

Il Laboratorio partecipa regolarmente a congressi, convegni e seminari epigrafici nazionali e internazionali, nei quali vengono presentati i progressi dei progetti e delle attività in corso. In particolare negli ultimi anni le attività del Laboratorio sono state presentate all'AIEGL XV (2017, Vienna), al SAEG V (2017, Torino), all'EAGLE 2016 International Conference (2016, Roma), al SAEG IV (2015, Milano), all'AIEGL XIV (2012, Berlino), al SAEG I (2009, Bologna). 


  • SAEG VI logo VI SAEG: dal 16 al 18 gennaio 2019 si è tenuta presso l'Università Ca' Foscari Venezia la sesta edizione del Seminario Avanzato di Epigrafia Greca (SAEG). È possibile scaricare il programma cliccando qui.


Pubblicazioni

  • GettyGli esametri Getty e Selinunte. Testo e contesto (a cura di C. Antonetti, Alessandria 2018, Fonti e studi di storia antica 22): I cosiddetti 'esametri Getty' tramandano, incisi su una lamina plumbea di ignota provenienza e donata al John Paul Getty Museum, un testo composito, databile fra il V e il IV secolo a.C., di natura magico-catartica, destinato a essere riprodotto sia oralmente sia per iscritto con inevitabili modifiche di cui sono testimoni gli esemplari più tardi del genere giunti fino a noi. Dall’anno della sua prima pubblicazione (2011) a opera di David Jordan e Roy Kotansky, l’interesse per questo testo enigmatico e per la sua contestualizzazione - generalmente individuata a Selinunte o nella Sicilia occidentale - si è considerevolmente esteso. Dopo l’apporto decisivo del volume di studi edito nel 2013 da Christopher Faraone e Dirk Obbink, quello che qui si pubblica è il lavoro d’insieme più cospicuo: esso è il frutto di più incontri di studio sul tema e della ricerca interdisciplinare condotta da studiosi delle Università di Venezia, Urbino, Napoli, New York con il supporto della Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali della Regione Sicilia e del Parco Archeologico di Selinunte.

  • Iscrizioni greche. Un'antologiaIscrizioni greche. Un'antologia (a cura di C. Antonetti e S. De Vido, Roma 2017, Studi Superiori 1092): Questa antologia di iscrizioni greche raccoglie più di settanta documenti - dall'VIII secolo al 31 a.C. - presentati in edizione scientifica, corredati di lemma genetico, apparato, traduzione italiana e commento. Il libro, frutto della collaborazione di cinquanta studiosi italiani, è destinato alla ricerca e alla didattica, principalmente universitaria, per la storia greca e l'epigrafia e si presenta come uno strumento innovativo che mancava nel panorama editoriale italiano. La storia epigrafica illustrata nel volume corrisponde a una concezione estesa delle testimonianze epigrafiche, inclusiva del divenire politico, diplomatico e istituzionale, ma allo stesso tempo attenta alla società, alla cultura, all'economia, alla religione, alle emozioni, a tutti quegli aspetti cioè che, insieme, possono dar conto delle trasformazioni dell'identità dei Greci dall'età arcaica a quella ellenistico-romana. Anche per questo, diversamente dalle sillogi precedenti che costituiscono il punto di riferimento della disciplina, nel testo trova maggiore spazio la Grecia 'terza', quel vasto mondo greco che si estende al di là di Atene e Sparta e che vale la pena illustrare anche dal punto di vista epigrafico.

  • DiabaseisDiabaseis: il Laboratorio promuove la pubblicazione della collana Diabaseis, diretta dalla prof.ssa C. Antonetti ed edita dall’Editore ETS di Pisa, nata dal progetto di ricerca nazionale La ‘terza’ Grecia e l’Occidente. Diabaseis, in senso polibiano, sono tutti quei percorsi che attraversando i mari - il Golfo di Corinto, il Mare Ionio e l’Adriatico, ma anche lo Stretto di Messina e il Canale di Sicilia - collegano terre ed esperienze in un continuo e reciproco contatto, mostrando volti inediti di una grecità periferica ma molto vitale e originale. Fin dai suoi primi volumi la collana ospita i risultati delle indagini che indicano con chiarezza la dinamicità di mari già percorsi verso Occidente in età arcaica e classica e protagonisti, a partire dall’età ellenistica, di un movimento complementare che dall’Occidente guarda di nuovo alla Grecia propria. La collana intende accogliere studi monografici e miscellanei, edizioni di testi, atti di convegni sulle relazioni tra la Grecia occidentale e l’Occidente greco e non greco così come sulla storia politica, istituzionale e culturale della Grecia periferica per proiettarla su uno scenario storico di più ampio respiro.

  • AXON Axon. Iscrizioni storiche greche: oltre al database, il progetto AXON ha dato vita nel 2017 alla rivista Axon. Iscrizioni storiche greche, pubblicata in formato digitale presso le Edizioni Ca' Foscari. I fascicoli, liberamente scaricabili, sono reperibili all’indirizzo http://edizionicafoscari.unive.it/it/edizioni/riviste/axon/


  • AgrinionCEGO. Collezioni Epigrafiche della Grecia Occidentale: il volume Collezioni epigrafiche della Grecia occidentale. I: La collezione epigrafica del Museo archeologico di Agrinio / Epigraphische Sammlungen aus Westgriechenland. I: Die epigraphische Sammlung des arch?ologischen Museums von Agrinio (a cura di C. Antonetti e P. Funke, in collaborazione con D. Baldassarra, E. Cavalli, F. Crema, K. Freitag, M. Haake, K. Knäpper, L. Kolonas, S. Scharff, Bonn 2018) inaugura la pubblicazione delle Collezioni epigrafiche della Grecia occidentale, quella dei Musei archeologici di Agrinio e Thyrio, e rappresenta il frutto di una collaborazione più che ventennale, nell’ambito dell’epigrafia greca, fra l’Università Ca’ Foscari di Venezia e la Westfälische Wilhelms-Universität Münster, con il sostegno della XXXVI Ephoria Proïstorikon & Klassikon Archaiotiton. [PDF]


Progetti e attività pregressi

Tra i progetti portati a termine dal Laboratorio si segnalano:

  • Edizione di iscrizioni greche e latine dei Musei di Agrinion e Thyrreion: si tratta di un progetto per l'edizione e l'informatizzazione delle iscrizioni greche e latine conservate nei Musei di Agrinion e di Thyrreion in vista di una prossima pubblicazione, che ha avuto come primo scopo la creazione di due gruppi di lavoro di giovani collaboratori, corresponsabili nella gestione del programma, al fine di garantire loro un percorso formativo nell'ambito della ricerca epigrafica. Le due équipes (équipe italiana: Damiana Baldassarra, Edoardo Cavalli, Francesca Crema con la collaborazione di Melissa Berlini e Andrea Guadagnini; équipe tedesca: Klaus Freitag, Matthias Haake, Katharina Knäpper, Sebastian Scharff, con la collaborazione di Daniel Strauch e Gabriela Weiler) hanno goduto nel 2000 e nel 2001 del patrocinio e del finanziamento della Commissione italo-tedesca del Programma Vigoni, voluto dalla Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI) e dal Deutscher Akademischer Austauschdienst (DAAD). L'integrazione del lavoro delle due équipes è stata resa possibile da una serie di incontri dei due gruppi nelle rispettive sedi universitarie, Venezia e Münster, durante i quali sono state messe a punto le basi metodologiche di riferimento (il modello comune di scheda epigrafica per la catalogazione e i criteri per le citazioni e le abbreviazioni), si è confrontata e ampliata la bibliografia generale, si sono armonizzati i due archivi scientifici.


  • Collaborazione con le Inscriptiones Graecae (Berlino): a partire dal 2005 le équipes di ricerca di Venezia e Münster hanno avviato una collaborazione con gli studiosi del progetto Inscriptiones Graecae della Berlin-Brandenburgische Akademie der Wissenschaften, diretto dal 2007 dal prof. Peter Funke (Projektleiter) e in particolare con il responsabile scientifico del progetto, prof. Klaus Hallof  (Arbeitsstellenleiter) e con la dott.ssa Daniela Summa (Mitarbeiterin). Nel 2005 è stata effettuata una missione congiunta al Lapidario di Villa Contarini-Simes a Piazzola sul Brenta (PD) per effettuare i calchi, le fotografie e le schede delle epigrafi greche ivi conservate al fine di un aggiornamento tanto dell'archivio veneziano quanto di quello berlinese. Si prevede che la collaborazione fra il Laboratorio di Epigrafia greca veneziano e le Inscriptiones Graecae, fino ad ora concentrata sui siti di Agrinion e Thyrreion, arrivi a interessare anche gli altri siti etolici ed acarnani per i quali il Laboratorio disponga di documentazione primaria.


  • "Sulle sponde dello Ionio": Grecia occidentale e Greci d'Occidente (PRIN 2009). L'unità di ricerca dell’Università Ca’ Foscari, avente come responsabile scientifico la prof.ssa Claudia Antonetti, si è concentrata sul tema delle "Trasformazioni politico-sociali e proiezioni ideologiche fra Grecia occidentale e Sicilia in età classica ed ellenistica". Il progetto ha portato all’organizzazione del convegno internazionale ‘Dialogo fra élites artistiche, politiche, economiche, sociali e vertici istituzionali: forme di produzione e di autorappresentazione (Ca’ Foscari Graduate School, Università Ca’ Foscari Venezia, 5-16 marzo 2012) e alla nascita della collana ‘Diabaseis’.


  • La ‘terza Grecia’ e l'Occidente (PRIN 2007). L’unità di ricerca veneziana, avente come responsabile scientifico la prof.ssa Claudia Antonetti, si è focalizzata sul tema "Fondazioni, rifondazioni, basileis in Grecia nord-occidentale". Al progetto hanno collaborato come membri dell'équipe Stefania De Vido, Damiana Baldassarra, Edoardo Cavalli, Francesca Crema, Silvia Palazzo, Ivan Matijašić, Anna Ruggeri.


  • Messene. Damiana Baldassarra insieme all'équipe del Laboratorio e nel quadro di più ampie ricerche di carattere storico ed epigrafico ha intrapreso il censimento del patrimonio delle iscrizioni della Messenia anche sulla base della documentazione di scavo conservata presso la Fondazione di Studi sull'Antica Messene ad Atene. I risultati di queste ricerche sono confluiti nell'archivio del Laboratorio, che conserva fotografie su supporto digitale di iscrizioni e siti messenici, un database con i dati delle iscrizioni scoperte a Messene (aggiornato al 2006) e una significativa selezione di bibliografia sulla regione. Il Laboratorio è stato inoltre promotore del Progetto Antica Messene, svoltosi dal 2007 al 2013 in collaborazione con una rete di Licei statali della provincia di Verona.